Ascot, oltre lo specchio

IMG_1632

Arrivare ad Ascot, in un lungo ‘pomeriggio dorato’, come per Alice significa passare in un attimo dall’altra parte dello specchio. In un paese delle meraviglie magari un po’ kitsch, per un occhio non assuefatto alla britannicità più spericolata. Ma travolgente, affascinante, contagioso. Dove non ti limiti a incontrare aristocratici in tight e cilindro appena usciti dai piani alti di Downtown Abbey, ladies in tacchi himalayani e cappelli architettonici, pannose dame di mezza età confezionate in abitini fluo, sicuramente una regina – meglio: The Queen, ‘la’ regina – oltre a numerosi guardiani in bombetta che ti indirizzano gentili. No, lì per cinque giorni, quanto dura la settimana di horse races (18 in totale da martedì a sabato) più famosa del mondo, sei anche tu un personaggio della favola, visto che il dress code, il codice di abbigliamento delle Royal Enclosures, il recinto più esclusivo, è rigido e inappellabile. Morning coat, waistcoat’ e top hat, ovvero tight, panciotto e cilindro per i gentlemen; cappello, gonna sotto il ginocchio e spalle coperte per le signore (anche se poi, okay, non è proprio sempre così).

CLONDAW WARRIOR (right, Ryan Moore) beats FUN MAC (left) in The Ascot Stakes Royal Ascot 16 Jun 2015 - Pic Steven Cargill / Racingfotos.com

CLONDAW WARRIOR (right, Ryan Moore) beats FUN MAC (left) in The Ascot Stakes Royal Ascot 16 Jun 2015 – Pic Steven Cargill / Racingfotos.com

Per penetrare nel sancta sanctorum del sogno british, il più esclusivo fra gli eventi sportivi della season mondana – dove non a caso Audrey Hepburn-Eliza Dolittle di My Fair Lady fa il suo debutto in società… – occorre essere invitati da qualcuno che faccia fa parte del club da almeno quattro anni. I soci sono circa 80 mila, ma non si palesano mai tutti insieme. Elisabetta II arriva in carrozza ogni giorno alle 14, sfilando felice e gloriosa sul campo di gara, fa un cenno o dice ‘hallo’ a qualche privilegiato, poi si ritira nel box reale a godersi l’amato spettacolo (sono 22 i cavalli di sua proprietà che hanno vinto una gara ad Ascot). Non che il popolo – si fa per dire – fuori dal recinto reale se la passi male. Veste comunque eccentrico, si gode un flute di Pimm’s, scommette, consuma picnic nel verdissimo prato che fa da parcheggio estraendo seggiole e tovagliette da capientissimi bagagliai (di Bentley, perché no, di Jaguar e persino Rolls-Royce). Affittare un gazebo a un soffio dal traguardo – a proposito: giovedì Frankie Dettori ha vinto la sua 50esima gara ad Ascot – costa 500 sterline (circa 700 euro) ma bisogna sganciarne 200 per il servizio. «Anche in tempi di crisi economica», ha scritto un esperto di corse e del luogo, Alistair Down, «Ascot dà modo ai ricchi di esibire il loro benessere. Ma le cose sono cambiate, oggi è l’occasione per molta gente normale di passare una giornata speciale. E’ diventato più moderno, e meno anacronistico». Al passo con ciò che avviene in sport più plebei del resto sono gli investimenti dei due fratelli sceicchi fratelli Fahad e Hamad al-Thani, proprietari della Qatar Racing, 70 milioni di euro dal 2014 al 2024. I responsabili della Longines, lo sponsor svizzero che ad Ascot segna letteralmente il Tempo, spiegano che l’evento è in perfetta sintonia con il loro marchio, insieme ‘esclusivo e friendly, per nulla respingente nonostante il blasone impressionante: The Royal Ascot, per chi non lo sapesse, nel 2011 ha festeggiato 300 anni di storia.

RA6

Nel 1711 fu la regina Anna, mentre cavalcava nei paraggi di Windsor, a scoprire quei 72 ettari di prati «ideali perché i cavalli possano galoppare a tutta velocità» e a battezzare la prima edizione (ignoto il vincitore). Al 1768 risale – pare – il primo Royal Meeting, al 1813 il decreto del Parlamento che ne garantiva l’utilizzo esclusivo per le corse. Ancora oggi è Buckingham Palace che ne nomina l’amministratore: Elisabetta, del resto, non se ne è persa un’edizione dal 1952. Il montepremi totale è di 7,6 milioni di euro, 300 mila circa gli spettatori; 200 i paesi collegati via tv, 42 mila le bottiglie di vino stappate, 2900 le aragoste, 400 gli elicotteri che vanno e vengono, 1000 le limousine. Il percorso, un miglio e poco più di erba Berkshire rasata a 4 inches (10 centimetri) ha fama di essere durissimo per cavalli e fantini. E’ la Formula 1 dell’ippica, qui vince solo chi ha muscoli di seta e una condizione perfetta, ma capire di cavalli non è essenziale per puntare, vincere, perdere, passare un pomeriggio in relax. «Ascot è un garden party che comprende alcune gare», sosteneva giustamente Edoardo VI. La differenza è che fra i vialetti di quel mondo incantevole e stracolorato oggi non camminano soltanto i re, ma anche le Alici dello specchio accanto. Purché indossino un cappellino, ovviamente.

IMG_1633

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: